Cookie Policy Plotter, cosa fare prima della pausa estiva | adorni distribuzioni grafiche

Chiusura estiva alle porte? Ecco qualche consiglio utile per mantenere i vostri plotter efficienti anche durante lo stop di produzione

Agosto è arrivato e anche se il momento delle tanto attese ferie sembra avvicinarsi con la lentezza di un bradipo carico di marmo, tra pochi giorni potrete davvero prendervi una meritata pausa da quest’anno tanto strano quanto difficile.
Che ve ne andiate in montagna, al mare o che restiate in città ciò che conta è che non vi dimentichiate dei vostri plotter, fidati alleati di lunghe giornate lavorative. La pausa estiva, infatti, corrisponde spesso ad un fermo obbligato delle attrezzature, cosa che se non gestita al meglio può provocare disagi nella ripresa della produzione una volta rientrati al lavoro.
Ecco perché abbiamo pensato di raccogliere in questo articolo qualche consiglio utile affinchè i vostri plotter restino efficienti anche durante il periodo di inattività. Si tratta di consigli pratici che non vi ruberanno troppo tempo, giusto qualche accorgimento in più che vi farà trascorrere vacanze serene e senza pensieri.

Pulizia Manuale

Come ben saprete la pulizia manuale per i plotter è un po’ come l’acqua per l’insalata, si tratta infatti di una delle procedure essenziali per mantenere i macchinari in buono stato e, per questo, andrebbe eseguita periodicamente durante tutto l’anno.
Ma come fare? Si inizia avviando la procedura di pulizia attorno alla testa, con l’apposito liquido ed i bastoncini presenti nel Maintenance Kit  si puliscono i bordi della testina e le cap station. A questo punto si può passare alla pulizia dei cappucci. E’ molto importante pulire bene la parte esterna, quella in gomma, ed assicurarsi che all’interno non siano presenti residui di inchiostro.

Pulizia degli ugelli di stampa

Una volta effettuata la pulizia manuale della testa, si può quindi procedere con quella degli ugelli effettuando una verifica direttamente dal menu manutenzione. Sarà l’operatore a decidere se eseguire una pulizia profonda, media o leggera e quindi a verificare il corretto funzionamento degli ugelli.

Togliere il materiale caricato

Colti dall’irrefrenabile voglia di raggiungere la meta vacanziera e mettersi comodi a leggere un buon libro sorseggiando un drink ghiacciato, può capitare di incorrere in qualche dimenticanza. Ma attenzione, non tutte hanno lo stesso peso.
Togliere il materiale caricato, negligenza a prima vista banale, può, ad esempio, rappresentare un vero e proprio rischio per la macchina stessa, in particolare per la testina.
Quando il laboratorio resta chiuso, infatti, è possibile che le condizioni atmosferiche mutino sfuggendo al nostro controllo e che causino spesso il sollevamento del materiale caricato. Questo sollevamento/mutamento diventa problematico nel momento in cui il plotter va ad effettuare il suo normale ciclo di pulizia: la testina finisce per sbattere sul materiale più e più volte, rischiando di andare a danneggiarla seriamente.

Svuotare la tanica di recupero

A meno che non abbiate intenzione di restarvene in laboratorio ad aspettare che l’Alert del plotter vi indichi che è ora di svuotare la tanica di recupero (o mantenimento), è bene ricordarsi di farlo prima di partire badando anche di azzerare il contatore. In questo modo al ritorno dalle ferie non rischierete di trovare il lago Titicaca sotto al vostro plotter e non dovrete così ripulire gli scarti di inchiostro utilizzato nei cicli di pulizia dal pavimento.

Controllare il livello delle cartucce

Mentre agitate le cartucce così da mantenere ben miscelati i pigmenti con la base di solvente, vi consigliamo anche di controllare il livello degli inchiostri. Nel caso in cui qualcuna abbia un livello inferiore al 25%, è buona norma sostituirla così da impedire al plotter di non rimanere a secco continuando senza problema con i suoi cicli di pulizia ed impedendo alla testina di seccarsi. Ricordate di conservare le cartucce sostituite, potrete terminarle una volta rientrati al lavoro.

Sostituire l’inchiostro White (o il metallico) con il Cleaning

Al fine di preservare la testina ed evitare spiacevoli occlusioni, per chi ha intenzione di lasciare non operativo il proprio plotter per più di una settimana è consigliato sostituire l’inchiostro White (o metallico) con il Cleaning, una procedura molto importante che consiste nello svuotare il circuito del White e caricarlo con il liquido di pulizia. Se prevedete invece che il vostro plotter possa rimanere inattivo per più tempo, allora potete decidere di avviare una procedura di sostituzione completa degli inchiostri, vale a dire anche sui canali della quadricromia oltre che sul White. Si tratta di un’operazione più onerosa e lenta, ma mette la stampante in totale sicurezza e permette di ripartire con un circuito pulito e senza sorprese.

*Vi consigliamo comunque di fare sempre riferimento, in particolare per periodi di inattività del plotter lunghi, alla guida utente scaricabile dal sito del produttore. *

E’ molto importante che prima della pausa estiva dedichiate un po’ di tempo alla cura dei vostri macchinari: mettere in atto questi accorgimenti essenziali può davvero aiutarvi a risparmiare tempo una volta rientrati al lavoro ed evitare spiacevoli inconvenienti. Vi consigliamo quindi di non trascurare nessuno di questi passaggi così da godervi il meritato riposo senza pensieri né preoccupazioni!