Cookie Policy "Stampa con l'Oca", il gioco dell'oca dedicato al mondo della stampa - adorni distribuzioni grafiche

Adg inaugura il suo primo gioco da tavola

Quest’anno nei pacchi natalizi insieme a bottiglie, Parmigiano e panettoni abbiamo voluto mettere un regalo davvero speciale. Ci piaceva l’idea di creare qualcosa di affine al mondo della stampa che si potesse condividere con le proprie famiglie o con gli amici, qualcosa che non fosse il solito gadget stravisto o la semplice agenda di tutti gli anni.
E’ così che, brainstorming dopo brainstorming, è iniziata a serpeggiare l’idea di un gioco di società, del resto esiste un regalo più divertente e conviviale di quello? Probabilmente no.
Da tutto questo è nato Stampa con l’Oca, un gioco dell’oca a tema stampa interamente illustrato ed ideato da noi:
63 caselle in cui si alternano attrezzature e materiali relativi sia all’ambito tradizionale che a quello digitale, pedine, dadi e tanto divertimento. 

Il mondo della stampa

Chi lavora nel settore lo sa bene, il mondo della stampa è pieno di insidie ed imprevisti superabili solo con grande esperienza e profonda conoscenza della materia. Con il nostro gioco abbiamo voluto quindi stravolgere la realtà e sovvertire l’ordine immaginando un mondo  in cui l’unico modo per andare avanti è affidarsi alla sorte: staccare dal lavoro di tutti i giorni e ributtarcisi con una nuova leggerezza, lo scopo del gioco non è solo quello di raggiungere l’ultima casella, ma anche quello di riconnettersi al proprio lavoro mettendo da parte grane e problemi, almeno per il tempo di una partita. In questi anni così particolari in cui lo stare insieme ha rappresentato più che altro una minaccia, abbiamo scelto di metterci nel mezzo provando ad allontanare le famiglie dai passatempi individuali  e riunirle attorno allo stesso tavolo per giocare insieme.

Stampa con l’oca: come lo abbiamo realizzato

Colore, materiali innovativi e supporti che strizzano l’occhio all’ambiente, tutto è nato dalla volontà di voler utilizzare il gioco stesso come strumento di marketing, un modo diverso per promuovere alcuni materiali di ultima generazione e allo stesso tempo consacrarne altri, veri e propri capisaldi del nostro mercato

Partiamo dal tabellone.
Il tabellone è leggero e richiudibile, nulla a che vedere con la pesanti ed ingombranti scatole dei tradizionali giochi di società, in questo modo può facilmente essere trasportato dappertutto senza problemi. Anche in viaggio.
Ciascuna casella del tabellone rappresenta materiali o attrezzature specifiche del nostro catalogo e ciascuna è stata illustrata a mano da noi. Plotter, centri di lavoro, carta fotografica, rifilatrici, lastre, caucciù, toner, cartucce e via dicendo, è solo un modo più creativo di passeggiare nel nostro magazzino. Il tabellone è infine stato plastificato con Velour Sense Superdigy by Magdata, un film in polipropilene di alta qualità con un lato effetto velluto, per rendere ancora più piacevole l’esperienza di gioco.

Ma non è tutto oro quello che luccica e così, tra prodotti e oche, abbiamo inserito anche le cosiddette caselle speciali. Se di gioco dell’oca, quello tradizionale, ne masticate allora non sarà difficile intravedere le connessioni con le nostre trasposizioni a tema stampa. 

  • Il ponte, casella in cui si ripete il movimento, è diventato per noi SALA STAMPA, luogo per eccellenza in cui di movimenti, ogni giorno, se ne ripetono davvero tanti tra prove e perfezionamenti.
  • Se è nella locanda che si sta fermi per tre turni, noi abbiamo scelto il FERMO MACCHINA, uguale in tutto e per tutto alla casella tradizionale, ma senza vino;
  • Esiste forse per uno stampatore una PRIGIONE peggiore del rimanere senza inchiostri? Domanda retorica, ecco perchè abbiamo indicato con INCHIOSTRI FINITI la casella in cui si rimane fermi finché un altro giocatore non finisce sulla stessa casella.
  • In un labirinto di sfumature e toni, invece, nel caso in cui si incappi nella MANCATA CORRISPONDENZA COLORE è necessario fare un passo indietro e tornare alla casella 39;
  • Infine, nell’eventualità in cui ci si fermi proprio sulla casella del CLIENTE FURIOSO, perfetta trasposizione nel mondo della stampa del tradizionale scheletro, è necessario ripartire da capo, ritornando alla casella 1.

Per giocare servono poi i 2 dadi e le 4 pedine stampate e intagliate nel forex 5 mm, nientepopodimeno che quattro oche in colori diversi per ciascuno dei quattro giocatori.

caselle per gioco dell'oca

Il regolamento by REvita di Guandong

Beh, inutile dire che nei giochi di società le regole sono alla base della buona riuscita della partita, ecco perché, affinché non vengano mai perse di vista, abbiamo pensato di raggrupparle in una cartolina a parte, super comoda e decisamente innovativa. Realizzata in Tack puro, un supporto calpestabile della rivoluzionaria gamma ReVita® by Guandong che può essere comodamente incollata al tavolo da gioco e rimossa a fine partita senza lasciare alcuna traccia.

Realizzato con quasi l’80% di materiale riciclato dalle bottiglie di plastica, REvita Tack Puro è un prodotto dall’anima green, stampabile con inchiostri ecosolvent, UV e soprattutto Latex per un risultato 100% eco-friendly e totalmente riciclabile. Questo supporto rientra a pieno titolo tra i prodotti garantiti dal sigillo GreenLife®, il marchio che attesta l’impegno di Guandong verso ogni aspetto amico dell’ambiente nelle diverse fasi dei processi di produzione e distribuzione. Inoltre, come tutti gli altri prodotti della gamma REvita, l’acquisto della nuova pellicola supporta la fondazione 4OCEAN per la tutela e il clean-up dei mari e degli oceani, contribuendo a ribadire che la plastica non è nemica dell’ambiente se si hanno comportamenti e utilizzi virtuosi.

Con la nostra cartolina speciale possiamo finalmente dire che stampare in modo sostenibile e con stile è finalmente possibile!

Ci auguriamo che Stampa con l’Oca possa essere un apripista e che possa offrire l’occasione di vedere il nostro variegato mondo con occhi più leggeri ed inclini alla trasversalità così da diffondere sempre più una cultura di crescita e condivisione collettiva.

Cosa dite, l’anno prossimo progettiamo il Cluedo?